Quanto tempo è necessario per creare una nuova abitudine?

La plasticità celebrale ha dimostrato che il cervello è una spugna modellabile e che la nostra mappa celebrale si riconfigura continuamente

Patricia Ramierez

QUANTO TEMPO È NECESSARIO PER CREARE UNA NUOVA ABITUDINE?
Dipende!
In realtà dipende di cosa stiamo parlando, dipende dalle nostre motivazioni, dal contesto, dalle condizioni, dipende da molti fattori!
Sicuramente creare l’abitudine di qualcosa che ci è nuovo e poco famigliare, potrebbe richiedere un periodo di adattamento più lungo. Probabilmente 21 giorni, come spesso si legge, sono un tempo molto ottimistico. Infatti, da successivi studi era emerso che il tempo necessario per creare un’abitudine è mediamente di 66 giorni, ma potrebbero volercene anche di più. Però 21 giorni possono essere un obbiettivo iniziale relativamente facile da mantenere. 21 Giorni sono 3 settimane. Stabilizzo un giorno, sempre lo stesso in cui ogni settimana per tre settimane, programmo 7 giorni. Se riesco per 21 giorni, allora riesco anche per 28, se riesco per 35 allora anche per 42 e così via..

In ogni caso, per creare una nuova abitudine è necessaria un’azione, motivazione, costanza, impegno e perseveranza, non esistono scorciatoie, ma esiste un metodo:
– stabilire gli obbiettivi, quali sono le motivazioni che ci spingono a fare una determinata azione, e immaginarci, visualizzare, come saremo al raggiungimento dell’obbiettivo. Più sarà chiara questa visualizzazione, maggiore sarà la motivazione che ci spingerà all’azione. Non stabilire le motivazioni e gli obbiettivi l’entusiasmo per iniziare sarà come un fuoco di paglia e si spegnerà alla prima difficoltà. Io non credo mai ai fuochi di paglia, alle promesse fatte sull’onda dell’entusiasmo. MAI.
– programmazione: non possiamo pensare di lasciare al caso le cose, abbiamo bisogno di stabilire una durata dell’azione realisticamente compatibile con i nostri impegni e stabilire un tempo di cui è fondamentale riconoscerne la SACRALITÀ di quel tempo. Aiuta farsi un’idea (se non scriverselo) delle eccezioni che ci possono far saltare il programma, e avere un’alternativa da MANTENERE. Non importa fare programmazioni di mesi, anzi se siamo persone che tendiamo a perderci e a distrarci facilmente (#vata) meglio fare programmazioni a breve termine (es di settimana in settimana)
– organizzazione: È necessario facilitarci le cose. Avere uno spazio dedicato, il materiale necessario sempre pronto e a portata di mano, se dobbiamo cercare le cose lo spazio ogni volta ci passa la voglia solo al pensiero.

Iniziare: non procrastinare, non rimandare all’inizio settimana, inizio del mese, inizio stagione inizio anno,etc…ma iniziare da SUBITO, ADESSO.

“La differenza tra ciò che è possibile e ciò che è impossibile, risiede nella determinazione”

Ragiona un attimo su quello che hai appena letto, in particolare sul primo punto. Hai mai provato a chiudere gli occhi e a visualizzare come ti porterà ad essere mantenendo un impegno, inseguendo un obbiettivo? Cosa ti impedisce di iniziare? Cosa ti impedisce di continuare?

Io mi sono imposta che aver paura e non aver voglia non sono scuse sufficienti per lasciare che intralcino il mio cammino.

Related Posts